Forward!!!!


Ha vinto l’America. Quella democratica, dei diritti civili, del rispetto delle donne e delle minoranze.
L’America riconosce e riconferma Obama come suo Presidente: è con lui che trovano dignità sociale gli anelli più deboli di una società complessa, contraddittoria, segnata da forti diseguaglianze.
Ai repubblicani non è bastato cavalcare la crisi, il debito americano, la contestata riforma sanitaria. E neppure il tema della famiglia o lo spettro di una fine tutta ‘italiana’ hanno messo Romney a riparo dalla forza del cambiamento innescata da Obama.
L’America non ha avuto paura, ma il coraggio di scegliere un presidente capace di guardare avanti, di unire, non di dividere. Il coraggio che servirebbe a noi italiani per voltare pagina, uscire dal Medioevo del secondo millennio. Per cambiare rotta; allontanare estremismi nuovi e passati; riconoscere i vecchi stereotipi come tali e deridere i sepolcri imbiancati di una certa politica corrotta, stantia, spesso plastificata.
Ecco, forse Romney dovrebbe sapere che non deve essere l’America a temere di imbroccare la strada sbagliata dell’Italia; semmai l’Italia dovrebbe avere il coraggio di intraprendere il difficile percorso di riforma e rinnovamento messo in campo negli Usa. Obama fa scelte politiche forti: fa del diritto alla salute un diritto accessibile a tutti, parla alle minoranze, riconosce la comunità gay e se ne ‘fa carico’, come in ogni paese civile.
In Italia andiamo verso la strada opposta: la crisi e il debito pubblico sono ‘ottime’ scuse per risparmiare su sanità, ricerca, scuola. Le minoranze etniche e religiose vengono dipinte come ‘problemi’ o ‘parassiti’ e marginalizzate. Ai gay viene persino negata una legge contro l’omofobia, mentre il resto d’Europa, finanche la cattolicissima Spagna, apre all’incontrovertibile bellezza dei “diritti per tutti”.
È così che in Italia si stanno minando le fondamenta alla base di una società civile, tollerante, culturalmente ed economicamente competitiva.
Ricordiamocelo questo, perché a breve dovremmo scegliere anche noi se essere ‘back’ o ‘forward’.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s