Dall’Uruguay saggezza e lungimiranza. Un augurio per il 2013


Un mio amico, Massimo, per i convenzionali scambi augurali, ha scelto di inviarmi un augurio lungo ben 10 minuti. Dieci minuti….Si, ma chi ce li ha dieci minuti del proprio tempo per ascoltare il discorso del Presidente dell’Uruguay durante una convention?
Beh, io alla fine, incuriosita da quell’insolito quanto originale modo di augurare il buon anno, quei dieci minuti li ho trovati; e consiglio ad ogni lettore di questo post di fare altrettanto. Non perchè questo signore dica chissà cosa. Il suo messaggio non è ciò che giornalisticamente parlando potrebbe essere definito ‘notizia’, eppure è talmente chiaro, semplice e diretto da fare breccia su chiunque. Ed è proprio questa la sua forza.
Lui, in sostanza, parla della nostra avidità. Avidità di avere sempre di più, di accumulare ricchezza a danno degli altri, di alimentare un sistema impari, incivile, che toglie a tanti per dare a pochi.
imagesÈ il nostro mondo. Il mondo in cui migliaia di bambini ogni giorno muoiono di fame; il mondo che non rispetta l’ambiente perchè si piega alle sporche logiche di un mercato che vuole produrre, produrre, produrre per vendere, vendere, vendere. Senza badare agli imballaggi delle merci, all’impatto sull’ambiente o sul paesaggio, alla salute di ogni fazzoletto di terra che ricopre questo globo; imagesalla qualità dell’aria e delle acque che direttamente si ripercuotono sulla qualità di quello che mangiamo. E magari esistono pure aziende pronte a pagare a peso d’oro studi che permettano la progettazione di oggetti ‘a tempo’, che dopo un po’ si rompono per essere integralmente sostituiti. Per puro profitto.
Il bello è che noi godiamo di questo. Godiamo di poter spendere un quarto del nostro stipendio per un paio di scarpe di marca, magari fatte in India (per dirne una), dagli indiani, da cui però non compreremmo mai un ombrello alla fermata della metro in un giorno di pioggia. Godiamo per girare con una macchina di grossa cilindrata. Del resto, se si hanno i soldi, perchè preoccuparsi di quanto quest’auto consuma o, per giunta, di quanto inquini? Non badiamo allo spreco dell’acqua potabile, sempre più scarsa e minacciata da inquinamento e arsenico. Semplicemente, come parassiti, non ci preoccupiamo del futuro, nè del genere umano nè di questo pianeta.
Questa spirale negativa in cui rischiamo di soccombere è determinata dallo stile di vita che ‘il sistema’ vuole cucirci addosso; un sistema profondamente sbagliato. E non perchè ognuno di noi voglia perseguire obiettivi di affermazione economica, sociale, professionale. Ma perchè in tutto questo mancano gli ingredienti principale del vivere sociale. Manca l’empatia, la solidarietà civile, la fraternità; manca il senso della compartecipazione alla realizzazione di un vivere sociale in cui ognuno possa trovare un ‘posto a sedere’, un posto adeguato alle basilari esigenze di un’esistenza degna di chiamarsi tale.
Ma il sistema non è un qualcosa di astratto, da noi ingovernabile. Il sistema è l’economia, la finanza. Il sistema è la politica. Ed è proprio quest’ultima che dovrebbe monitorare, e in caso governare, i processi e le forze determinanti il sistema stesso. La politica, in tal senso, può fare tanto. Non sostituirsi alle imprese o al mercato, ma di certo indirizzare verso modelli di sviluppo sostenibili, sia da un punto di vista ambientale che sociale. Può optare tra le trapassate vedute nazionalistiche o essere sponsor di un’unità che ormai supera gli anacronistici confini nazionali. Può scegliere di fare l’interesse di pochi o l’interesse di molti.
Ecco, io spero che in questo 2013, sulla scia delle parole e delle scelte del Presidente dell’Uruguay, la politica torni ad incarnare il significa più profonto della res pubblica in una repubblica, l’Italia, sempre meno democratica e sempre più scelleratamente discriminatoria.

Advertisements

One thought on “Dall’Uruguay saggezza e lungimiranza. Un augurio per il 2013

  1. Grazie per aver utilizzato più di dieci minuti per commentare il mio augurio con delle riflessioni che condivido

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s