Pd primo partito. Per 5 voti (?)

E’ bello ma non balla. E al Pd non si può rimproverare di essere un partito chiuso, di non attivare al suo interno processi democratici; eppure le elezioni non pagano. Alle politiche avrebbe dovuto sbancare di fronte ad un Pdl ferito e moribondo, poi incomprensibilmente resuscitato proprio per mano del suo ‘leader’ di sempre.
vinto le elezioni kaos66 vignetta satira 050 col web Caso nazionale a parte, anche a Fiumicino la situazione non è affatto rosea. Eppure su Fb e sulla rete si legge: “Pd primo partito di Fiumicino”. Lungi dal fare l’analisi del voto, mi sembra un’affermazione un po’ forzata. A Fiumicino il Pd ha ottenuto il 23,11% dei voti, il Pdl il 22,75%, il Movimento 5 Stelle il 23,10. Per carità, la matematica insegna. Ma se andiamo a sottrarre i voti del M5S (7826) a quelli del Pd (7831), il risultato è 5. CINQUE. Continue reading

Advertisements

Sul web il ‘tam tam’ delle elezioni

Gli italiani danno i numeri. E lo fanno con sentimento. Tra speranza, incredulità, ironia e scommesse queste elezioni sono seguite passo passo dal popolo della rete. Elezioni-2013-432x328Ogni minuto è buono per ritwittare dati e commentarli nello spazio di 160 caratteri. Pochi, ma sufficienti per ‘esserci’. Parlano tutti. Giornalisti, politici, associazioni, comitati cittadini, blogger, elettori, cittadini. Votanti e non. Così anche su Facebook. C’è chi la butta a tarallucci e vino, chi urla ‘Povera Italia’, chi si ringalluzzisce e crede nel sorpasso, chi prepara la valigia per lasciare il paese. C’è chi già parla del ‘nuovo miracolo’ e chi già invoca nuove elezioni. Ma forse tra tutte spicca la tragicomica scena del celeberrimo film ‘Bianco Rosso e Verdone’ dove la nonna del protagonista, interpretata dalla spettacolare Sora Lella, muore proprio nella cabina elettorale. Solo una scena già vista o presagio di un’Italia che non ce la fa ad uscire dallo stallo (qualunque esso sia)?

Biogas, chi lo conosce lo evita

locandinaSabato prossimo, 9 febbraio, l’appuntamento è con l’informazione. Informazione sulla salute di un territorio, delle sue acque, della sua agricoltura. Con la salute dei cittadini e dei nostri nostri figli.
Esserci è importante. Per capire cosa sta avvenendo sul nostro territorio, per essere informati da professionisti competenti, obiettivi, che nulla hanno a che fare con gli interessi di potenti imprenditori o della cattiva politica, che da una parte frena e dall’altra accelera. Continue reading