I bilancioni di Fiumicino, tra arte e monnezza


monnezza a fiumicinoAdoro l’odore di iodio che ieri si propagava sul lungomare di Fiumicino, in una confusa giornata di scirocco. Una passeggiata  ristoratrice in compagnia del mare, della sua forza, della sua passione, delle sue creature. Marine e terrestri.
E difatti, sembranvano proprio strane bilancioni2creature, visti in lontananza, velati da una leggera foschia. I bilancioni. Vecchi arnesi da pesca, per lo più inutilizzati, ma che rendono pittoresco e caratteristico l’incontro tra il Tevere e il mare. Qualcuno nel 2008 se ne accorge, ci scrive anche un post, colpito dalla magia di questo luogo.
monnezza a fiumicino1Altrove, li avrebbero  valorizzati, rimessi a posto, curati. Sarebbero diventati fonte di interesse turistico, legato alla forte tradizione di pesca di questo territorio. Invece no. Come grandi ma inutili creature giacciono tra la ruzza e la monnezza, in attesa di qualche pescatore amatoriale che, di tanto in tanto, si diverta a farli funzionare. Un peccato. Uno dei tanti.

Erica Antonelli

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s