Campagna #fermiamoCupinoro


“Lo scenario che abbiamo sempre ipotizzato e temuto – dicono cittadini e comitati – sta diventando realtà: mega impianti su un territorio agricolo che allontanano qualsiasi possibilità di tutelare ed utilizzare quelle terre, ora e in futuro, rispettando la loro vocazione. La nostra salute, ma soprattutto quella dei nostri figli, sarà inevitabilmente compromessa, il nostro patrimonio culturale sommerso di rifiuti”.
Nessuna gestione post-mortem per la discarica: la Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 8 agosto 2014 ha deliberato “…di condividere le posizioni favorevoli espresse dalla Regione Lazio e dal Comune di Bracciano e dare atto che sussiste la possibilità di procedere al rinnovo dell’autorizzazione integrata ambientale (AIA) per la discarica di Bracciano”.
Il piano industriale della Bracciano Ambiente già prevede un megaimpianto TMB da 135.000 t/a per la produzione di ecoballe per inceneritori e una centrale a biogas da 33.000 t/a. E ciò nonostante l’attuale discarica, come sottolinea Zaratti, “autorizzata dieci anni fa tramite il Commissario Straordinario in deroga dalla normativa statale di tutela del paesaggio e più volte oggetto di ampliamento, è sotto procedura d’infrazione 2011/4021, per violazione dell’articolo 6, lettera a), della direttiva 1999/31/CE. Inoltre la stessa discarica è oggetto di una seconda procedura (Causa C-323/13), dal momento che non ha rispettato le prescrizioni della legislazione dell’UE in materia di rifiuti”.
In appoggio alla campagna contro una nuova discarica anche il PD locale che non condivide la decisione “perché quella lugubre montagna che incombe in modo sinistro sul nostro territorio a simboleggiare uno stupro ambientale ci costringe a non fidarci. Vogliamo conoscere gli esiti delle inchieste della Procura di Civitavecchia sui fondi del post-mortem e vogliamo che il sito sia bonificato”. Una mancanza di fiducia agitata dagli ultimi fatti che vedono indagato l’Amministratore unico della Bracciano Ambiente, che dovrà rispondere per “attività di rifiuti in violazione delle prescrizioni contenute nel decreto legislativo 36 del 2003 […] in quanto, dalla data dell’ultimo conferimento in discarica dei rifiuti, non è stata eseguita correttamente la prescritta operazione di ricopertura giornaliera dei rifiuti a Bracciano dal 31 gennaio al 17 luglio 2014″.
Il problema dei rifiuti c’è e va affrontato. In tutti i territori. Perchè la raccolta differenziata non è ancora decollata, perchè c’è chi ha interesse ad alimentare inceneritori, perchè c’è, a mio avviso, una politica nazionale energetica poco innovativa, che punta (ancora) alla termovalorizzazione e alle biomasse. Si brucia (e si trivella) per produrre energia senza cercare di ridurre i consumi e senza incidere veramente in termini di efficientamento, innovazione tecnologica; si splamano gli incentivi delle vere rinnovabili (sole, vento, compostaggio aerobico, sfruttamento delle correnti marine, idrogeno) e si favoriscono (con soldi pubblici) fonti energetiche che non sono propriamente green, perchè determinano rilevanti forme di inquinamento.
Il problema va affrontato, certo, e i rifiuti  vanno smaltiti correttamente. I cittadini onesti e più attenti lo sanno, non protestano perché colpiti dalla sindrome nimby ma per cercare di dare nuove soluzioni a vecchi problemi. E a tale proposito ecco soluzioni alternative a Cupinoro:

  • avviare l’istituzione del nuovo “A.T.O. Tuscia romana”;
  • riconvertire l’impiantistica in progetto alle esclusive esigenze dell’ A.T.O. Tuscia Romana;
  • stimolare l’ampiamento della raccolta differenziata porta a porta in tutto il bacino;
  • procedere alla chiusura ed alla bonifica integrale degli invasi di Cupinoro
  • una campagna pubblica su tutti i territori coinvolti.

Prossima iniziativa l’11 ottobre a Cerveteri.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s