Fuori dal vaso, fuori dai denti. Parole di una laica cattolica

«Il Vaticano, nei confronti della Repubblica Italiana, non sta certo con le mani in mano. Le usa entrambe: una mano aperta a palma larga per chiedere quattrini, l’altra mano svolazzante per suonar ceffoni in faccia alla politica».
Michele Ainis, Chiesa Padrona, Garzanti 2009

bagnasco

renzi

Fuori dal vaso.
L’ha fatta Bagnasco invocando il voto segreto sulle unioni civili; il direttore di Radio Maria con il “ricordati che anche tu devi morire!” rivolto alla Cirinnà.cirinnaFuori da vaso l’hanno fatta politici, parroci, uomini e donne “militanti della fede” con le loro “belle parole”, cariche di morale e spirito caritatevole;
eltonchi ha dato voce e gambe a quella demagogica e abominevole campagna contro l’insegnamento della diversità sessuale a scuola.
Fuori dal vaso, e sono certa non sarà l’ultima, l’ha fatta la catechista di Ripi (Fr) chiedendo di spegnere la tv durante l’esibizione di Elton John a Sanremo perchè “gay e per avere acquistato due figli attraverso l’affitto dell’utero di due donne”.
Ecco…la misura è davvero colma per chi, da laico (cattolico) come me, vorrebbe uno Stato plurale e democratico. Continue reading

Advertisements