E’ solo l’ultimo arrivato ed è in buona compagnia

benvenuto-bambinoBenarrivato. E’ davvero l’unico modo che conosco per salutare una nuova nascita.
Benarrivato dunque al figlio di Nichi e di Ed. Da oggi genitori, come tanti. Alle prese con pianti, pannolini, poppate, notti insonni e biberon.
Benarrivato in un mondo che non ti farà sconti, neanche da bambino, e che già ti fa pagare il prezzo.
Il prezzo della grettezza e della bassezza di tutti coloro che pensano e agiscono secondo schemi precostituiti, che si elevano a giudici morali, che a tutto vogliono dare un nome, una “confezione”; che tutto vogliono confinare: sentimenti, idee, desideri e sensibilità altrui.
Ogni tanto ci vorrebbe il pudore del silenzio. Il silenzio di chi può anche non condividere o comprendere le scelte altrui, ma che almeno davanti alla nascita di un figlio abbia il buon senso, il buon gusto, il pudore del rispetto. Continue reading

Advertisements