Sotto il velo della Mogherini, solo il gusto della polemica

Da adolescente ho avuto modo di vivere qualche situazione, diciamo, di carattere internazionale.
Ricordo che spesso, a casa nostra, mio padre invitava a cena una famiglia di turchi (musulmani) e questi, prima di entrare nella nostra abitazione, si toglievano le scarpe, in segno di rispetto (pur sapendo che non era nostra “cultura” farlo). La cosa non mi ha dato mai fastidio. Loro si levavano le scarpe, noi offrivamo una cena evitando accuratamente di portare in tavola alcol e carne di maiale. Tutto molto semplice, quando ci si rispetta a vicenda. Continue reading

“Credere nell’università ha funzionato…”. Le parole che vorremmo sentire

Il discorso che vorremmo sentire (ma certamente libero da ironia).
L’emancipazione collettiva. La (legittima) realizzazione personale.
L’Università accessibile a tutti, quale vera locomotiva del futuro e del progresso.
Il discorso di Marco Rondina, studente del Politecnico di Torino, mette a nudo (diciamo pure in mutande) non il sistema universitario, ma il sistema paese.
immagine

Padrini e padroni

Come la ‘ndrangheta è diventata classe dirigente.
Intervista al procuratore Nicola Gratteri e al prof. Antonio Nicaso, autori del libro “Padrini e padroni”, Mondadori.
“La corruzione, l’infiltrazione criminale, i legami con i poteri forti – occulti, come le logge segrete, e non, come la politica sul territorio e a tutti i livelli, fino ai più alti – sono oggi parte di una strategia di reciproca legittimazione messa in opera da decenni da tutte le mafie e in particolare dalla ‘ndrangheta”.

Maker Faire, contaminazione digitale tra presente e futuro

dsc_0021Si è conclusa domenica una tre giorni interamente dedicata alla cultura del digitale e allo sviluppo di un’imprenditorialità individuale e collettiva, propria del “movimento maker”.
L’edizione europea Maker Faire Rome ha messo insieme tecnologia e divertimento in un unico grande evento di contaminazione digitale, un vero e proprio santuario per l’internet delle cose.
Una fucina di idee per piccoli e grandi inventori, tra ingegneri, ricercatori universitari, studenti, artisti e artigiani alle prese con l’utilizzo della tecnologia per risolvere piccoli e grandi problemi quotidiani. Una larga comunità internazionale che identifica ‘i makers’ di oggi come un crescente movimento culturale dalle enormi potenzialità, sia sul piano dello sviluppo economico che sociale. Continue reading

Perché questa campagna è un colpo allo stomaco

collage

La campagna per il #fertilityday

#fertilityday, una campagna che ferisce.
La donna con la clessidra in mano con il tempo che, inesorabile, scorre via. La fertilità come l’acqua, bene comune di cui non si può fare a meno. Per essere “creativi” è meglio essere giovani. La Costituzione a tutela della procreazione cosciente e responsabile.
Evidentemente, chi ha ideato questa campagna non ha la vaga idea Continue reading

Si fa presto a dire ‘denuncia!’ se poi…

IMG-20160623-WA0012

evento/flash mob a Fiumicino contro la violenza sulle donne

IMMAGINI-SITO6

L’appello di Befree contro la chiusura dei Centri antiviolenza a Roma

Ieri (giovedì 23 giugno) a Fiumicino il flash-mob/evento in contrasto alla violenza di genere (vedi il video in fondo al post) e a favore di politiche che sappiano aiutare la donna nel momento più sensibile e pericoloso: quello della denuncia. Eppure le leggi e la burocrazia dei decreti non ci aiutano.
Così a Roma, nella Capitale d’Italia, rischiano di chiudere quei già pochi presidi che danno assistenza alle donne vittime di violenza.
Chiude così SOSDonna H24 (Casale Rosa) in via di Grottaperfetta, “un luogo dove 1934 donne (ad oggi) hanno trovato sostegno psicosociale psicologico legale educativo per uscire dalle situazioni di violenza che stavano vivendo”.
Rischia così di chiudere il Centro Antiviolenza Colasanti e Maria Rosaria Lopez in via di Torre Spaccata, che “dal 1997 ha aiutato e seguito quasi 10.000 (per l’esattezza 8958 alla data di oggi) donne, provenienti da tutti i municipi di Roma, oltre che da altre città e regioni di Italia. Ha inoltre ospitato più di 300 donne, con figli minori”. Continue reading