Tutto a posto, la mafia non esiste

dd0cef2b2ec5f1c51c636975235a4606-U20437902245FuC--835x437@IlSole24Ore-WebLeggo un articolo sul Fatto Quotidiano e, a caldo, mi lascio andare a un commento. Evidentemente, in questo paese puoi, tranquillamente, continuare a fare politica ed occuparti della cosa pubblica anche se hai una condanna (ancora in I° grado) di 11 anni. Ma la situazione, a dirla tutta, è ancora peggiore: “Class action contro il procuratore di Roma. Deve pagare, ci ha fatto dipingere come una merda (testuale, ndr) sui giornali di tutto il mondo”. Ma perché, non è forse “merda” quella che è uscita dalla verità processuale e che ha portato a condanne così importanti? Continue reading

Advertisements

Alimentazione, scivolare su una buccia di banana

Cosa c’è dietro il bollino “verde” apposto sulle banane che arrivano sulle nostre tavole?
E’ davvero verde, equosolidale e sostenibile?
Qui il servizio di Marcello Brecciaroli per “Indovina chi viene a cena”, il programma di Sabrina Giannini.
Tutto da  vedere, per un consumo più consapevole.


Padrini e padroni

Come la ‘ndrangheta è diventata classe dirigente.
Intervista al procuratore Nicola Gratteri e al prof. Antonio Nicaso, autori del libro “Padrini e padroni”, Mondadori.
“La corruzione, l’infiltrazione criminale, i legami con i poteri forti – occulti, come le logge segrete, e non, come la politica sul territorio e a tutti i livelli, fino ai più alti – sono oggi parte di una strategia di reciproca legittimazione messa in opera da decenni da tutte le mafie e in particolare dalla ‘ndrangheta”.

Maker Faire, contaminazione digitale tra presente e futuro

dsc_0021Si è conclusa domenica una tre giorni interamente dedicata alla cultura del digitale e allo sviluppo di un’imprenditorialità individuale e collettiva, propria del “movimento maker”.
L’edizione europea Maker Faire Rome ha messo insieme tecnologia e divertimento in un unico grande evento di contaminazione digitale, un vero e proprio santuario per l’internet delle cose.
Una fucina di idee per piccoli e grandi inventori, tra ingegneri, ricercatori universitari, studenti, artisti e artigiani alle prese con l’utilizzo della tecnologia per risolvere piccoli e grandi problemi quotidiani. Una larga comunità internazionale che identifica ‘i makers’ di oggi come un crescente movimento culturale dalle enormi potenzialità, sia sul piano dello sviluppo economico che sociale. Continue reading

La verità fa male, ma ci dobbiamo fare i conti

Charlie Hebdo, vignetta su terremoto in ItaliaAppena ho visto la vignetta, anche io ho avuto l’istinto di  sputare veleno come una vipera ferita. Mi sono fermata, ho respirato profondamente e buttato fuori tutta la Co2 respirata insieme alla pesantezza e alla crudezza di questa vignetta. Poi ho capito.
La lasagna farcita di corpi è indigesta. Indecorosa. Fa male. Scatena indignazione. E quindi funziona.
La
 lasagna farcita di corpi non prende in giro i nostri morti, ma punta il dito contro le tragedie che si verificano ad ogni terremoto italiano. Continue reading

Per un #mare+pulito

 

Il problema dei rifiuti marini è sentito da tutti i territori che si affacciano sul mare, soprattutto se vicini alla foce di fiumi importanti come il Tevere. Il progetto ideato dal CIRSPE, finanziato dalla Fondazione Costa Crociere, con il patrocinio gratuito del Comune di Fiumicino ha quantificato la quantità di rifiuti che o, in media, si pescano davanti alla costa di Fiumicino. Continue reading

Pillola #notriv – Ma è vero che la Croazia continuerà a trivellare?

Domenica 17 aprile si terrà il referendum per decidere se le concessioni per le trivellazioni in mare (quelle entro le 12 miglia) debbano scadere al termine della concessione stessa, oppure possano essere automaticamente prorogate sine die, cioè fino alla fine giacimento.
Chi sostiene la campagna per il ‘no’ o per l’astensione motiva la scelta dicendo che sarebbe solo un regalo alla Croazia. Ma è proprio vero?
E’ proprio vero che se l’Italia rinunciasse alle trivelle nell’Adriatico faremmo solo un regalo alla Croazia, che continuerà comunque a trivellare?
A quanto pare non è proprio così…sentite perché…

Intervento di Marcello Brecciaroli, giornalista e documentarista autore della video inchiesta Italian Offshore insieme a Manuele Bonaccorsi e Salvatore Altiero.