“Libere di essere – Libere di scegliere”

Sebbene nutra un profondo rispetto per le differenti culture e religioni – riconoscendo alla parola “rispetto” un bbogincommensurabile valore etico e sociale, sinonimo di pace tra popoli – proprio non riesco a tollerarla la mancanza di rispetto per le donne. Gestite dagli uomini come “cose proprie”. L’uomo che decide ciò che la donna deve ‘essere’ o ‘fare’; l’uomo che la donna la picchia, l’ammazza. Oltre la cultura e la religione, orientale o occidentale poco cambia. Resta la violenza, fisica e psicologica, subita dalle donne. In tutto il mondo.
Continue reading